Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Dutch English French German Portuguese Romanian Spanish Turkish

TB-Storia

TB-eventi

TB-vedere

TB-Fare

TB-ospitalita

TB-associazioni

Fini, Molinari e Cazzullo: i "Dialoghi Eula" calano il tris

Dimensione caratteri

La suggestiva location trecentesca dell'antica chiesa di Santa Caterina di Villanova Mondovì, in provincia di Cuneo, sta per aprire le porte all'evento culturale più atteso della primavera monregalese. La terza edizione dei “Dialoghi Eula”, il festival della buona politica, si svolgerà venerdì 1° e sabato 2 aprile, puntando i riflettori sul borgo medievale di Villavecchia. Alla caratteristica “balaustra” siederanno ospiti  di assoluto rilievo nazionale, che cercheranno di rispondere ad una domanda che, dopo gli attentati di Bruxelles, si presenta quanto mai d’attualità: “L'Europa esiste ancora?”.

Nel pomeriggio di sabato 2 aprile, alle ore 15.30, nel primo degli appuntamenti in programma, si parlerà di “Emergenza migranti: dalla crisi economica ad una crisi umanitaria”. Ospite della sessione, il presidente Gianfranco Fini, firmatario della legge 189/2002, meglio nota come “legge Bossi-Fini”, che disciplina la delicata materia dell'immigrazione. Una legge che continua a far discutere e che costituisce uno dei tanti casi in cui l’ex presidente della Camera si è trovato al centro del dibattito politico, anche con prese di posizione non in linea con una tradizione, quella della destra post-missina, che ha peraltro incarnato nei suoi primi passi sulla scena pubblica, come segretario del Fronte della Gioventù e, in seguito, successore di Almirante alla segreteria dell’Msi. Oggi, il fondatore di Alleanza Nazionale e del Popolo della Libertà guida l’associazione “Liberadestra” e rappresenta uno degli esponenti più autorevoli in materia di politica europea, anche in virtù dei suoi precedenti ruoli di ministro degli Esteri, dal 2001 al 2006, e di rappresentante del governo italiano alla Convenzione europea per la stesura della bozza di costituzione europea, nel 2002. Nella seconda sessione, a partire dalle ore 17, i relatori approfondiranno invece un tema che, proprio in questi giorni, è salito nuovamente alla ribalta: “Europa, il sogno del Califfato”. A ‘dialogare’ saranno il direttore de “La Stampa”, Maurizio Molinari, e l'inviato del “Corriere della sera”,  Aldo Cazzullo, due firme di assoluto primo piano nel panorama del giornalismo italiano. Sul palcoscenico villanovese, Cazzullo e Molinari partiranno dalle reciproche attività editoriali: se per Cazzullo l'attività di scrittore si è concentrata, in particolare, sulla storia e sull'identità italiana, sia in chiave critica - come “Outlet Italia” e “L'Italia de noantri” - che in difesa delle potenzialità del nostro Paese, per converso Molinari ha trattato, in prevalenza, tematiche internazionali, anche sulla base dell’esperienza di corrispondente da New York, Bruxelles e Gerusalemme. Il suo ultimo libro,  “Il Califfato del terrore”, è stato definito da Roberto Saviano come “il libro che tutti dovremmo leggere”. L'antica chiesa di Santa Caterina si prepara, dunque, a ritornare sulla ribalta nazionale, con diversi appuntamenti ad ingresso libero, che saranno preceduti, nella serata di venerdì 1° aprile, dall'anteprima teatrale “Spinoza vs Lercio”. Un format ormai consolidato che affianca satira e politica, perché la satira, in fondo, è anch’essa politica allo stato puro: un’analisi disincantata sul presente.                                                                         

Aldo Cazzullo, giornalista e scrittore, nel 2003, dopo quindici anni a "La Stampa", passa al "Corriere della Sera", di cui è inviato speciale ed editorialista. Ha raccontato le Olimpiadi di Atene e di Pechino, gli attentati dell'11 settembre, il G8 di Genova, gli omicidi di Massimo D'Antona e Marco Biagi ad opera delle Brigate Rosse. Tra i suoi libri, incentrati in gran parte sul tema dell'identità nazionale, ricordiamo: "Ragazzi di via Po" (1997), "I ragazzi che volevano fare la rivoluzione" (1998), "Il caso Sofri" (2004), "I grandi vecchi" (2006), "Outlet Italia. Viaggio nel paese in svendita" (2007), "L'Italia de noantri. Come siamo diventati tutti meridionali" (2009), "Viva l'Italia! Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra nazione" (2010), "La mia anima è ovunque tu sia" (2011), "L'Italia s'è ridesta. Viaggio nel paese che resiste e rinasce" (2012), "Basta piangere! Storie di un'Italia che non si lamentava" (2013), "La guerra dei nostri nonni "(2014) e "Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza" (2015).

Gianfranco Fini è un politico italiano. Deputato dal 1983 al 2013, nonché presidente della Camera dei Deputati dal 2008 al 2013, è stato segretario del Fronte della Gioventù e del Movimento Sociale Italiano; presidente di Alleanza Nazionale dalla sua fondazione nel 1995 fino al 2008, quando ne ha promosso lo scioglimento in un nuovo partito di centrodestra, poi fondato insieme a Silvio Berlusconi l'anno successivo col nome de "Il Popolo della Libertà". Nei governi Berlusconi II e III ha ricoperto l'incarico di vicepresidente del Consiglio dei ministri e di ministro degli Affari Esteri. Dal 2011 al 2013, è stato presidente del nuovo partito "Futuro e Libertà", nato dalla scissione dal PdL. Dopo le dimissioni dalla presidenza del partito, Gianfranco Fini ha intrapreso un nuovo cammino culturale assumendo la presidenza dell'associazione Liberadestra. 

Maurizio Molinari, giornalista e scrittore, è stato corrispondente da New York, Bruxelles e Gerusalemme per “La Stampa”, quotidiano di cui è direttore dal 1° gennaio 2016. Ha scritto anche su "L'Indipendente", "L'Opinione", "Il Tempo", "Il Foglio", "Panorama"; collabora con La7 (dove è stato ospite fisso di "Otto e mezzo", durante la conduzione di Giuliano Ferrara), RaiNews24, Sky Tg24 e Tg5. Tra i suoi libri, "L’Italia vista dalla Cia (1948-2004)" (2005), "Cowboy democratici" (2008), "Gli italiani di New York" (2011), "Governo ombra" (2012), "L’aquila e la farfalla" (2013), "Il Califfato del terrore" e "Jihad" (2015). 

Email

contatti

Dati-del-Comune

News

Iscriviti

Il Territorio di Villanova Mondovì

 

COORDINATE: 44° 21’0’’ N / I 7° 46’0’’ E
ALTITUDINE: 526 m.sl.m. (min.430 – max 881)
SUPERFICIE: 28.390 Km2
ABITANTI: 5.891 (anno 2014)
FRAZIONI COMUNALI: Bongiovanni, Branzola, Eula, Garavagna, Madonna del Pasco, Roracco, San Grato